musicamusa

« anything that doesn't take years of your life and drive you to suicide hardly seems worth doing. »

( and what we loved was not enough. )

SESSO E VIOLENZA E FOTO DI GATTI E AFFETTO BRUTALE
Apr 23 '14

1,432 notes (via heartsmadeofsteam & applecocaine)

Apr 23 '14
‎’Slut’ is attacking women for their right to say yes. ‘Friend Zone’ is attacking women for their right to say no.
And “bitch” is attacking women for their right to call you on it.  (via madgay)

(Source: emilys-nostalgia)

743,277 notes (via heartsmadeofsteam & emilys-nostalgia)

Apr 23 '14
full-as-much-heart:

Overgrowth - Parker Fitzgerald & Riley Messina

full-as-much-heart:

Overgrowth - Parker Fitzgerald & Riley Messina

23,332 notes (via heartsmadeofsteam & full-as-much-heart)

Apr 23 '14
chakrabot:

maja-stina:

fandomsandfeminism:

generalmaluga:

albinwonderland:

fandomsandfeminism:

betterthanabortion:

"My body, my choice" only makes sense when someone else’s life isn’t at stake.

Fun fact: If my younger sister was in a car accident and desperately needed a blood transfusion to live, and I was the only person on Earth who could donate blood to save her, and even though donating blood is a relatively easy, safe, and quick procedure no one can force me to give blood. Yes, even to save the life of a fully grown person, it would be ILLEGAL to FORCE me to donate blood if I didn’t want to.
See, we have this concept called “bodily autonomy.” It’s this….cultural notion that a person’s control over their own body is above all important and must not be infringed upon. 
Like, we can’t even take LIFE SAVING organs from CORPSES unless the person whose corpse it is gave consent before their death. Even corpses get bodily autonomy. 
To tell people that they MUST sacrifice their bodily autonomy for 9 months against their will in an incredibly expensive, invasive, difficult process to save what YOU view as another human life (a debatable claim in the early stages of pregnancy when the VAST majority of abortions are performed) is desperately unethical. You can’t even ask people to sacrifice bodily autonomy to give up organs they aren’t using anymore after they have died. 
You’re asking people who can become pregnant to accept less bodily autonomy than we grant to dead bodies. 

reblogging for commentary 

But, assuming the mother wasn’t raped, the choice to HAVE a baby and risk sacrificing their “bodily autonomy” is a choice that the mother made. YOu don’t have to have sex with someone. Cases of rape aside, it isn’t ethical to say abortion is justified. The unborn baby has rights, too. 

First point: Bodily autonomy can be preserved, even if another life is dependent on it. See again the example about the blood donation. 
And here’s another point: When you say that “rape is the exception” you betray something FUNDAMENTALLY BROKEN about your own argument.
Because a fetus produced from sexual assault is biologically NO DIFFERENT than a fetus produced from consensual sex. No difference at all.
If one is alive, so is the other. If one is a person, so is the other. If one has a soul, then so does the other. If one is a little blessing that happened for a reason and must be protected, then so is the other. 
When you say that “Rape is the exception” what you betray is this: It isn’t about a life. This isn’t about the little soul sitting inside some person’s womb, because if it was you wouldn’t care about HOW it got there, only that it is a little life that needs protecting.
When you say “rape is the exception” what you say is this: You are treating pregnancy as a punishment. You are PUNISHING people who have had CONSENSUAL SEX but don’t want to go through a pregnancy. People who DARED to have consensual sex without the goal of procreation in mind, and this is their “consequence.” 
And that is gross. 

This has been added to since I last saw it, so reblogging again.

Busted wide open.

chakrabot:

maja-stina:

fandomsandfeminism:

generalmaluga:

albinwonderland:

fandomsandfeminism:

betterthanabortion:

"My body, my choice" only makes sense when someone else’s life isn’t at stake.

Fun fact: If my younger sister was in a car accident and desperately needed a blood transfusion to live, and I was the only person on Earth who could donate blood to save her, and even though donating blood is a relatively easy, safe, and quick procedure no one can force me to give blood. Yes, even to save the life of a fully grown person, it would be ILLEGAL to FORCE me to donate blood if I didn’t want to.

See, we have this concept called “bodily autonomy.” It’s this….cultural notion that a person’s control over their own body is above all important and must not be infringed upon. 

Like, we can’t even take LIFE SAVING organs from CORPSES unless the person whose corpse it is gave consent before their death. Even corpses get bodily autonomy. 

To tell people that they MUST sacrifice their bodily autonomy for 9 months against their will in an incredibly expensive, invasive, difficult process to save what YOU view as another human life (a debatable claim in the early stages of pregnancy when the VAST majority of abortions are performed) is desperately unethical. You can’t even ask people to sacrifice bodily autonomy to give up organs they aren’t using anymore after they have died. 

You’re asking people who can become pregnant to accept less bodily autonomy than we grant to dead bodies. 

reblogging for commentary 

But, assuming the mother wasn’t raped, the choice to HAVE a baby and risk sacrificing their “bodily autonomy” is a choice that the mother made. YOu don’t have to have sex with someone. Cases of rape aside, it isn’t ethical to say abortion is justified. The unborn baby has rights, too. 

First point: Bodily autonomy can be preserved, even if another life is dependent on it. See again the example about the blood donation. 

And here’s another point: When you say that “rape is the exception” you betray something FUNDAMENTALLY BROKEN about your own argument.

Because a fetus produced from sexual assault is biologically NO DIFFERENT than a fetus produced from consensual sex. No difference at all.

If one is alive, so is the other. If one is a person, so is the other. If one has a soul, then so does the other. If one is a little blessing that happened for a reason and must be protected, then so is the other. 

When you say that “Rape is the exception” what you betray is this: It isn’t about a life. This isn’t about the little soul sitting inside some person’s womb, because if it was you wouldn’t care about HOW it got there, only that it is a little life that needs protecting.

When you say “rape is the exception” what you say is this: You are treating pregnancy as a punishment. You are PUNISHING people who have had CONSENSUAL SEX but don’t want to go through a pregnancy. People who DARED to have consensual sex without the goal of procreation in mind, and this is their “consequence.” 

And that is gross. 

This has been added to since I last saw it, so reblogging again.

Busted wide open.

215,018 notes (via heartsmadeofsteam & betterthanabortion)

Apr 23 '14
marikabortolami:

kon-igi:

Mi è capitata sotto l’occhio questa vignetta (allegorica, mi dirà una porzione di minorati mentali) di tal Marcello Sartori, naturalmente subito rilanciata da quel povero di spirito di Magdi Cristiano Allam e fatta girare da quella stessa porzione di minorati mentali sopracitata che non riescono a tirarsi nemmeno una sega perché non gli sono scese le palline e considerano il reblog compulsivo di merda un valido sostituto delle loro mancate interazioni sociali.Allegorica, perché voglio sperare che l’artista di indiscussa fama sappia che il Virus Ebola è circoscritto alle regione centrali del continente africano (Congo e Guinea), ma capisco che se avesse disegnato una bambina africana i pallini rossi del morbillo non si sarebbero visti così bene.Così circoscritta, che i timori dei team di medici italiani e americani [X] si stanno rivolgendo più ai rischi di un’epidemia limitata che a una pandemia sul continente europeo.Ma per il leghista medio sentire farfugliare a radio padania che la mortalità è del 90% e che la portano in giro i negri è stato sufficiente a dare il la alla solita cricca di idioti che per opportunità o ignoranza glaciale (spesso le due cose coincidono) hanno ben pensato di fare un po’ di terrorismo presso la fascia debole (di mente) della popolazione.Oramai chi ha un po’ di cervello e dita per la tastiera può informarsi in maniera seria e rendersi conto che stiamo parlando di un virus la cui moralità dopo il contagio è, sì, estremamente elevata ma viene considerato dall’OMS di potenziale biologico a basso livello, proprio per la sua stessa virulenza, tasso di moralità e velocità di decesso che ne rende molto circoscritti i focolai e, soprattutto, solo in regioni isolate dove le norme igieniche e le condizioni dei presidi sanitari sono scadenti.Il Virus Ebola non è la TBC o la scabbia (la cui recrudescenza è realmente da attribuirsi al flusso di immigrati degli ultimi anni) ma una malattia il cui contagio può avvenire solo CON IL CONTATTO DI FLUIDI CORPOREI DI UNA PERSONA CHE MOSTRA GIA’ I SINTOMI DELLA MALATTIA EMORRAGICA (FECI, SANGUE, ESPETTORATO) E SOLO ATTRAVERSO UNA FERITA O LE MUCOSE.
Ma volendo trovarci per forza un’allegoria (è stata questa la difesa di Magdi Cristiano Allam sulla sua pagina FB) voglio spingermi anch’io nella dietrologia spiccia e mi chiedo: se l’intervistatore così ben disposto davanti alla gioia dei negracci invasori indossa una maglietta con la bandiera della pace, forse l’artista vuole sottilmente suggerire agli immigrati di starsene a casa propria a farsi ammazzare in un bombardamento?
Per concludere… Una sensazione di deja vù mi ha preso alla vista di questa vignetta e solo dopo un po’ ho capito dove avevo già visto una cosa del genere…e ancora una volta mi viene riconfermato che una testa bacata non ha alcun potere se non ha dietro un popolo di teste altrettanto bacate.


Per aggiungere un altro tassello al mosaico:su Repubblica del 11/04:"In Italia è allerta Ebola. Dopo che altri Paesi europei, come la Francia che ha messo in allarme ospedali e medici per eventuali casi di EVD,  anche il nostro Paese ha deciso di correre ai ripari […]"e all’ultimo paragrafo”Tuttavia, questa sera il ministero della Salute ha tenuto a precisare in un comunicato che in Italia “non c’è nessun rischio per Ebola”Ci sono dei riferimenti al tema con gli stessi toni anche su l’Espresso e altri giornali. Il Gazzettino del Nord-Est quattro giorni fa ha rilanciato con la sobrietà del caso “Gli ospedali di Treviso e Castelfranco sono già in allerta: pronti a far fronte a eventuali contagi da Ebola.”. Ora, i leghisti sono una specie a parte, qui c’è da fare una riflessione anche sulla comunicazione e non solo de La Padania o il Giornale o Libero, tutta l’informazione ha dei problemi seri a gestire le notizie. 
Il sensazionalismo provoca mostri (vedi alla voce Matteo Renzi). 

marikabortolami:

kon-igi:

Mi è capitata sotto l’occhio questa vignetta (allegorica, mi dirà una porzione di minorati mentali) di tal Marcello Sartori, naturalmente subito rilanciata da quel povero di spirito di Magdi Cristiano Allam e fatta girare da quella stessa porzione di minorati mentali sopracitata che non riescono a tirarsi nemmeno una sega perché non gli sono scese le palline e considerano il reblog compulsivo di merda un valido sostituto delle loro mancate interazioni sociali.
Allegorica, perché voglio sperare che l’artista di indiscussa fama sappia che il Virus Ebola è circoscritto alle regione centrali del continente africano (Congo e Guinea), ma capisco che se avesse disegnato una bambina africana i pallini rossi del morbillo non si sarebbero visti così bene.
Così circoscritta, che i timori dei team di medici italiani e americani [X] si stanno rivolgendo più ai rischi di un’epidemia limitata che a una pandemia sul continente europeo.
Ma per il leghista medio sentire farfugliare a radio padania che la mortalità è del 90% e che la portano in giro i negri è stato sufficiente a dare il la alla solita cricca di idioti che per opportunità o ignoranza glaciale (spesso le due cose coincidono) hanno ben pensato di fare un po’ di terrorismo presso la fascia debole (di mente) della popolazione.
Oramai chi ha un po’ di cervello e dita per la tastiera può informarsi in maniera seria e rendersi conto che stiamo parlando di un virus la cui moralità dopo il contagio è, sì, estremamente elevata ma viene considerato dall’OMS di potenziale biologico a basso livello, proprio per la sua stessa virulenza, tasso di moralità e velocità di decesso che ne rende molto circoscritti i focolai e, soprattutto, solo in regioni isolate dove le norme igieniche e le condizioni dei presidi sanitari sono scadenti.
Il Virus Ebola non è la TBC o la scabbia (la cui recrudescenza è realmente da attribuirsi al flusso di immigrati degli ultimi anni) ma una malattia il cui contagio può avvenire solo CON IL CONTATTO DI FLUIDI CORPOREI DI UNA PERSONA CHE MOSTRA GIA’ I SINTOMI DELLA MALATTIA EMORRAGICA (FECI, SANGUE, ESPETTORATO) E SOLO ATTRAVERSO UNA FERITA O LE MUCOSE.

Ma volendo trovarci per forza un’allegoria (è stata questa la difesa di Magdi Cristiano Allam sulla sua pagina FB) voglio spingermi anch’io nella dietrologia spiccia e mi chiedo: se l’intervistatore così ben disposto davanti alla gioia dei negracci invasori indossa una maglietta con la bandiera della pace, forse l’artista vuole sottilmente suggerire agli immigrati di starsene a casa propria a farsi ammazzare in un bombardamento?

Per concludere…
Una sensazione di deja vù mi ha preso alla vista di questa vignetta e solo dopo un po’ ho capito dove avevo già visto una cosa del genere…e ancora una volta mi viene riconfermato che una testa bacata non ha alcun potere se non ha dietro un popolo di teste altrettanto bacate.



Per aggiungere un altro tassello al mosaico:
su Repubblica del 11/04:

"In Italia è allerta Ebola. Dopo che altri Paesi europei, come la Francia che ha messo in allarme ospedali e medici per eventuali casi di EVD,  anche il nostro Paese ha deciso di correre ai ripari […]"

e all’ultimo paragrafo

Tuttavia, questa sera il ministero della Salute ha tenuto a precisare in un comunicato che in Italia “non c’è nessun rischio per Ebola”

Ci sono dei riferimenti al tema con gli stessi toni anche su l’Espresso e altri giornali. Il Gazzettino del Nord-Est quattro giorni fa ha rilanciato con la sobrietà del caso “
Gli ospedali di Treviso e Castelfranco sono già in allerta: pronti a far fronte a eventuali contagi da Ebola.”. Ora, i leghisti sono una specie a parte, qui c’è da fare una riflessione anche sulla comunicazione e non solo de La Padania o il Giornale o Libero, tutta l’informazione ha dei problemi seri a gestire le notizie. 

Il sensazionalismo provoca mostri (vedi alla voce Matteo Renzi). 

147 notes (via lalumacacontrecorna & kon-igi)